Errore
  • Errore nel caricamento dei dati del feed

Racconti

Dicono che tutti i giorni dobbiamo mangiare una mela per il ferro e una banana per il potassio.
Anche un’arancia per la vitamina C e una tazza di the verde senza zucchero per prevenire il diabete.
Tutti i giorni dobbiamo bere due litri d’acqua, anche se poi per espellerli richiede il doppio del tempo che hai perso per berli.
Tutti i giorni bisogna bere un Actimel o mangiare uno yogurt per avere gli indispensabili bacilli
L. Casei Defensis, che nessuno sa bene che cosa cavolo siano, però sembra che, se non ne ingoi per lo meno un milione e mezzo tutti i giorni, finisci per vedere sfocato.

Ogni giorno un’aspirina per prevenire l’ictus, e un bicchiere di vino rosso contro l’infarto, più un bicchiere di bianco per il sistema nervoso, ed uno di birra che già non mi ricordo per che cosa era.
Se li bevi tutti insieme, ti può provocare un’emorragia cerebrale, ma non ti preoccupare, perché non te ne renderai neppure conto.
AddThis Social Bookmark Button
...leggi tutto!

Sabato, 02 Giugno 2012 17:12

 

Pentiteve! Pentiteve, peccatori impunitenti, voi che doveresse essere poeti, scrivitori e omini di sapienza, e invece scrivete in sulle vostre carte di amori mendacci e promuischi, per non dir di più peggio, e ancora poi di altre cose molto sporchevoli e vizziose, così da indurire in tentazzione la gioventudine che si aspetteresse da voi un monito, e un cogito, e un rogito. Venirà un fulmino potentissimo che colpirà proprio in sulla punta dell’ausello i cattivi maestri! Voi che indugiate in aprovazzione per i giovani che si drogano con la cocacola si perdono a ballare nelle biscoteche e vanno in su le spiagge marine a guardare fisi le donne peccaminatrici con le chiappe di fora! Pentiteve, e fate cose penitenziarie: cospargeteve il capo di cenere, bacco, tabacco e venere, altroementi sarete carne abbruciacchiata per l’eterno, nel tristo e triste inferno. Là sarà pianto e strisciare di vermi! Quanto a tu, femina o omino indeciduto, tu che ancora non mi pari ben predisponuto alla penitenziaria, ma solo alla gaiezza: fatti un’esame d’incoscienza, e prometti di ritrovare la ritta via e sistemare l’ambiguezza del tuo stato sessico! Queste cose poco chiarite non ci piacciono gniente al Dominesignoriddeo. Orsù! Ohibò! Perdincibacco! Péntite e torna all’ovaie, pecurella smarrita! Dimostra vera pentizzione e contrattura di quore, ed eco te absolvororum in ommina secula dei seculoribus. Amen. Così poterai lucrare un posticino nel Paradiso, inzieme con Santo Babbonatale, Santa Befana, San Itario, San Tilichéri, San Pdoria e tutti gli altri Santi glorificosi. Parola di Fra’ Tazio da Sora! E voi, vicesverso, prosecuzionatevi così, e vederete cadere dal soffitto del celo una linguaccia di fuoco biforcuto che manderà nella cenera i letteratori, romanzisti, raccontisti, poetisti e poemisti. Sempre brutte parole slercie e peccatose, che imbrogliano e invogliano la gioventudine, come certe gonne corte che mostrano il gomito della gamba delle donne assai poco seriose. Rimembricatevi del fraterello povereraccio, che predicava nella piazza agli auselli, e questi lieti si alzavano estemporaneamente tutti in coro, piuttosto che come adesso, quando che vedono la Sciarona Stona nel cinema Besis Istrice. Vergogna! Vergogna! Tornatevi alla santitutine, abbandonate le turpilenti strade della perdità, incantonate le putrefetenti opere di Sadica e Camorra e pensate invece alle beatose visioni del Paradiso, in dove che ci sono sempre musiche organate e arpate e campanate e trombate, e dove sempre sono ognorri numerevolerrime feste e grandissime pompe! Altro che pensare solo alle parole tirate per l’aria come strofinacci zozzi, con un’occhio alla critica, un’occhio al pubblico e un’occhio ai dritti dell’autore per rinpinguinare il conto in panca, oh voi scrivitori paragnostici, sessuiferi e tangentipoli! Rimembricatevi che è più facile che un ago passi per il ricco cammello di un…..è più facile che la cruna di un ricco passi per la gobba di un cammello…..è più facile che l’ago di un camello cruni per la ricchezza di un..…è più facile che un ricco cruni un cammello sull’ago di un coccodillo che……ufff…..è più facile che un..…vabbè, questa la dico un’altra volta! Pace e lietità.

AddThis Social Bookmark Button


Domenica, 27 Maggio 2012 13:00

 


Monitor EnvirNet per il risparmio energetico - Commercioetico.it
Iscriviti a Cacao il quotidiano delle buone notizie comiche


Ecovillaggio Solare di Alcatraz
Libera Università di Alcatraz, la tua vacanza in Umbria




Più recenti

Nuove vignette

Login

Comitato Nobel Disabili

Nuovo Comitato Il Nobel per i Disabili Onlus
FAI UNA DONAZIONE AL COMITATO
Paypal - Bonifico Bancario - Vaglia Postale

Networketico.it, il più grande database italiano delle associazioni, delle cooperative sociali, ambientali e culturali che operano nel nostro paese
Iscriviti a Networketico.it, il database delle associazioni di solidarietà e del volontariato in Italia

Cacao Il quotidiano delle buone notizie comiche


Gli introvabili di Dario Fo e Franca Rame

Detersivi ecologici Sola con ingredienti a Km zero

Il blog di Jacopo Fo